Checklist installazione Fedora

 Dopo diverse installazioni di Fedora Core 6, ho deciso di scrivere una checklist con tutti passi necessari per arrivare ad un sistema pronto all’uso per la casa o l’ufficio. Questa guida è destinata a chi ha già un minimo di conoscenza di Linux e di Fedora e sappia usare l’interprete di comandi (la shell). Inoltre si presuppone che il sistema sia supportato da Fedora e che sia dotato di collegamento Internet.

Continua a leggere

L’hardware usato per Fedora

" "Alcuni volenterosi hanno deciso di raccogliere delle statistiche sull’hardware utilizzato nelle installazioni di Fedora. Chi vuole contribuire alla raccolta non deve far altro che installare il pacchetto smolt, in questo modo:

[root@malex ~]# yum install smolt

Una volta installato, è sufficiente eseguire il comando smoltSendProfile, che invierà i dati sulla vostra configurazione hardware e la versione di Linux usata:

[malex@malex ~]$ smoltSendProfile

Alcune curiosità dai primi dati raccolti:

  • L’80% dei sistemi gira a run level 5, cioé con interfaccia grafica, il restante a run level 3, tipicamente nei server.
  • La marca più usata è Dell.
  • AMD e Intel sono quasi alla pari come marca di cpu.
  • Il 30% dei sistemi ha meno di 512MB di memoria ram.

Flash 9 per Linux

flash logoE’ da ieri disponibile anche per Linux la versione 9 di Macromedia Adobe Flash Player. Finalmente la versione per Linux è allineata alla versione per Windows, non dovremo più imprecare contro i siti che si lamentano perché abbiamo una versione di flash troppo vecchia.

Potete installarlo seguendo le istruzioni sul sito, oppure con yum abilitando il respository macromedia. In questo caso l’istruzione è:

yum install flash-plugin

Terminata l’installazione, rilanciate Firefox e verificate con about:plugins.

Linux su Thinkpad R52

Thinkpad R52Ho assistito l’amico Peter nell’installazione di Fedora Core 6 su un IBM Thinkpad R52. E’ stata un delle installazioni più semplici che abbia mai visto. Tutto liscio, senza intoppi.

Oltre all’installazione standard abbiamo solo dovuto installare il firmware per la Intel PRO/Wireless 2200BG, disponibile sul repository livna, in questo modo:

[root@linux ~]# rpm -ivh rpm -ivh http://rpm.livna.org/livna-release-6.rpm
[root@linux ~]# yum install ipw2000-firmware

Anche se non necessario, abbiamo anche installato i driver nativi per la scheda grafica ATI Mobility Radon X300, così da attivare gli effetti 3D di Compiz, prelevandoli sempre dal repository livna:

[root@linux ~]# yum install kmod-fglrx xorg-x11-drv-fglrx
[root@linux ~]# ati-fglrx-config-display enable

Ultima chicca: premendo il pulsante della tastiera con il simbolo del bluetooth, si attiva l’apposita icona nel pannello di gnome. 😉

Da Fedora ad Ubuntu: primi intoppi

Ubuntu Logo.Avevo pensato di installare Ubuntu 6.10 sul portatile, in sostituzione del Fedora Core 6. Ma prima di fare il grande passo ho fatto un po’ di pratica con vmware. Ebbene, mi sono accorto che Ubuntu 6.10 ha il kernel 2.6.17, mentre la mia Fedora ha la 2.6.18. Questo significa che non posso far funzionare l’adattatore wifi Digicom USB Wave 54, il cui driver è stato incluso nel kernel solo dalla 2.6.18.

Pazienza, passaggio rimandato, intanto continuo con vmware.

Passare ad Ubuntu?

Ubuntu Logo.Dopo anni di fedeltà a RedHat Linux e poi a Fedora, sto meditando di passare ad Ubuntu. Le statistiche dicono che Ubuntu è la distribuzione più usata e quella a maggior crescita. Tutti ne parlano bene. Mi sono detto: dev’esserci un motivo.

Allora, per provare, ho installato la 6.10 su vmware, che tra l’altro supporta Ubuntu e non supporta Fedora, e ne sono rimasto impressionato.

Per cominciare, il fatto che il dvd di installazione sia una distribuzione Live installabile permette di testare subito la compatibilità dell’hardware e decidere poi se installare.

Poi l’installazione è veramente semplice, eppure quella di Fedora mi sembrava già molto semplice.

La procedura di aggiornamento è poi comoda è veloce, non devo stare a configurare repository ulteriori (livna, atrpms, ecc.), è già tutto pronto. Una bella comodità.

Quasi quasi provo ad installarlo su portatile, magari mi faccio un po’ di spazio tra Fedora e Winzozz, anzi, potrei sovrascrivere proprio winzozz.

Evince vince

Logo PDFCon Fedora Core 6 ho riscoperto Evince. Evince è un visualizzatore di documenti PDF, l’equivalente Open Source di Adobe Reader. Perché usare Evince quando c’è Adobe Reader?

Evince visualizza correttamente i PDF allo stesso modo di Adobe Reader, in più è molto più veloce, è ben integrato in Gnome e, infine, è Open Source.