Rimuovere gli occhi rossi con GIMP

Per rimuovere gli occhi rossi causati dal flash della fotocamera potete usare GIMP con un plugin apposito. Il plugin non è compreso nel pacchetto standard di GIMP e va installato a parte. Ecco come fare.

Installazione del plug-in

Per prima cosa dovete installare il pacchetto gimp-devel:

apt-get install gimp-devel

Quindi scaricate redeye.c dal GIMP Plug-in Registry. Installate quindi il plug-in così:

gimptool-2.0 --install redeye.c

Uso del plug-in

Lanciate GIMP e caricate la foto da correggere. Selezionate gli occhi con lo strumento Selezione elittica applicato con il tasto Shift (maiuscolo).

Ora che avete selezionato tutti gli occhi applicate il filtro Filtri -> Misc -> Auto Red Eye Remover.

Controllate il risultato, gli occhi rossi dovrebbero essere spariti.

Se invece vi interessa rimuovere gli occhi rossi a mano c’è un utile tutorial.

Wikipedia vs Britannica

La prestigiosa rivista Nature pubblica un’indagine sulla qualità di alcune voci di Wikipedia e dell’enciclopedia Britannica. Incredibilmente la qualità degli articoli di Wikipedia è solo leggermente inferiore alla Britannia. Per contro, gli articoli di Wikipedia sono mediamente più lunghi. Un risultato niente male per un progetto senza scopo di lucro con i contributi di migliaia di volontari.

Quanti sono i web server con Linux

Quanti sono i web server che girano su server Linux? Secondo Netcraft, più di 1.2 milioni di server attivi girano su Debian e Debian rappresenta circa il 25% della quota di mercato dei server Linux. I server attivi con Linux sono quindi 4.8 milioni:

1.8 * 100 / 25 = 4.8

Dal survey di dicembre 2005 di Netcraft si estrapola che il totale dei server attivi è circa 32.4 milioni.

Per concludere i server Linux rappresentano quasi il 15% dei server attivi:

4.8 / 32.4 * 100 = 14.8

mini guida bluetooth: trasferire file

Ho appena acquistato un cellulare nuovo con fotocamera e interfaccia bluetooth. Ecco come sono riusco a configurare io mio portatile con Fedora Core 4 per poter trasferire le foto dal cellulare al portatile.
Per prima cosa ho acquistato un adattatore Bluetooth USB. Ne ho scelto uno a caso al supermercato, avevo letto che questo tipo di dispositivo è largamente supportato dalle distribuzioni recenti di Linux. Effettivamente, appena collegato il sistema lo ha subito riconosciuto.
Poi con google ho trovato un primo documento che spiegava esattamente cosa fare e che rimandava ad un tutorial molto dettagliato.

Installare i package necessari

Sulla FC4 installate i seguenti package:

# apt-get install gnome-bluetooth bluez-hcidump bluez-pin bluez-utils

Cambiare SELinux

Se avete SELinux abilitato, che è il default in FC4, dovete disabilitare il controllo del servizio bluetooth. Eseguite il comando system-config-security-level, selezionate la pagina SELinux e dalla lista SELinux Service Protection selezionate la voce Disable SELinux Protection for bluetooth daemon.

Attivare il servizio bluetooth

Dopo le modifiche a SELinux ora possiamo attivare il servizio bluetooth:

# service bluetooth restart

Stopping Bluetooth services:                              [  OK  ]
Starting Bluetooth services:                              [  OK  ]

# service bluetooth status

hcid (pid 10036) is running...
sdpd (pid 10038) is running...

Verificare che l’adattatore si riconosciuto

Per verificare che l’adattatore sia effettivamente riconosciuto da Linux digitate il comando:

# hcitool dev
Devices:
        hci0: 00:AA:BB:CC:DD:EE

Modificare hcid.conf

Modificate il file /etc/bluetooth/hcid.conf. Sostituite la riga:

#autoinit yes;

con:

autoinit yes;

Le due righe:

#pin_helper /etc/bluetooth/feed-pin.sh
dbus_pin_helper;

con:

pin_helper /etc/bluetooth/feed-pin.sh
#dbus_pin_helper;

Nota: il parametro dbus_pin_helper va commentato per aggirare un bug noto.
Le due righe:

#auth enable;
#encrypt enable;

con:

auth enable;
encrypt enable;

Creare feed-pin.sh

Create il file /etc/bluetooth/feed-pin.sh con il seguente contenuto:

#!/bin/sh
echo "PIN:1234"

Nota: sostituite il PIN indicato con uno a vostra scelta. Rendete quindi eseguibile il file appena creato:

# chmod +x /etc/bluetooth/feed-pin.sh

Riattivazione del servizio

Riattivate quindi il servizio bluetooth:

#  service bluetooth restart

Stopping Bluetooth services:                              [  OK  ]
Starting Bluetooth services:                              [  OK  ]

#  service bluetooth status

hcid (pid 10046) is running...
sdpd (pid 10048) is running...

Attivazione sul cellulare

Sul vostro cellulare dovete ora abilitare il bluetooth e rendere visibile l’apparecchio. Ogni cellulare ha i suoi modi per effettuare queste operazioni.

Connessione

Ora sul PC esegute il seguente comando:

# hcitool scan
Scanning ...
        00:11:22:33:AA:CC      Samsung XYZ

Otterrete così la lista di tutti i dispositivi attivi nei dintorni. Segnateve l’ID del vostro cellulare.

Ora stabilite una connessione tra il PC e il cellulare, con il seguente comando, usando l’ID ricavato con lo scan:

# hcitool cc XX:XX:XX:XX:XX:XX

Abilitare send e receive

Per abilitare le connessioni in entrata dal cellulare al PC digitate il seguente comando, usando l’ID del cellulare:

# bluez-pin in XX:XX:XX:XX:XX:XX

Abilitate anche le connessioni in uscita:

# bluez-pin out XX:XX:XX:XX:XX:XX

Trasferire un file dal cellulare al PC

Sul PC eseguite il seguente comando gnome-obex-server. Una piccola icona apparirà nella notification area di gnome. Ora potete trasferire un file alla volta dal cellulare al PC. Terminato il trasferimento di un file, una finestra su PC vi chiederà conferma e salverà il file nella vostra home directory.

Trasferire un file dal PC al cellulare

Sul PC eseguite il comando gnome-obex-send. Ad esempio, per trasferire un’immagine:

gnome-obex-send immagine.jpg