mini guida ssh

Una sola volta, generare la coppia di chiavi, pubblica e privata, con il comando:

ssh-keygen -t rsa

Selezionare la voce di menu Preferences -> Sessions, quindi la pagina Startup programs. Premere il pulsante Add e aggiungere il comando ssh-add (non cambiare la priorità proposta). Uscire da gnome e rientrare. Verrà chiesta la passphrase per ssh, quella scelta durante la generazione delle chiavi.

A questo punto, per poter fare login su un’altra macchina, dovete aggiungere la vostra chiave pubblica alla lista delle chiavi autorizzate. In pratica:

ssh utente@remote "mkdir -m 755 .ssh"
cat ~/.ssh/id_rsa.pub | ssh utente@remote "cat - >> .ssh/authorized_keys"

Finito. Ora potete fare ssh sulla macchina remota senza richiesta di password.

Ulteriori Info: http://www.brandonhutchinson.com/Passwordless_ssh_logins.html

Advertisements

2 thoughts on “mini guida ssh

  1. Dovevo fare uno script con all’interno un comando scp, utilizzando le informazioni di questa mini guida sono riuscito ad evitare la richiesta di passwd. Durante la mia ricerca sulla rete avevo seguito una strada (che non sono riuscito a percorrere per la mia ignoranza su linux) relativa al flag Batchmode da settare a yes all’interno del file di configurazione ssh_config. Questo avrebbe permesso l’esecuzione del comando all’interno dello script senza richiesta di passwd mentre per i normali comandi, quelli non all’interno di uno script, la richesta sarebbe esistita ancora. Forse pero’ la cosa non e’ cosi’ banale oppure mi e’ sfuggito qualcosa…..

  2. Benvenuto Ceuro!!!
    Il flag Batch Mode evita la richiesta di password in questo senso: nel momento in cui ssh deve chiedere la password o la pass phrase perché non riesce a fare la connessione, invece di chiederla al terminale semplicemente butta giù la connessione.
    Se vuoi fare un scp in uno script senza richiesta di password devi generare una chiave apposita con pass phrase vuota ed usare quella chiave.

I commenti sono chiusi.