E io passo a Linux


Copertina PC ProfessionaleE io passo a Linux
. Questo è il titolo di copertina di PC Professionale di marzo 2007. Sottotitolo:

Linux vi spaventa? Vi spieghiamo come usare Ubuntu, la distribuzione più adatta a chi comincia.

Se in diverse occasioni PC Professionale lo ha spesso ignorato, Linux e più precisamente di Ubuntu, è l’argomento dell’articolo principale, della copertina e dell’editoriale.

In quest’ultimo, Giorgio Panzeri esalta le qualità del nostro, senza ovviamente rinnegare Windows Vista. La sua conclusione è:

Per chi ha un computer potente, con molta ram, e una scheda grafica evoluta, Vista funziona alla grande. […] Ma per chi ha una macchina un po’ datata, meglio Linux. Provare per credere.

Si potrebbe obiettare che Linux funziona ancor meglio su un computer potente, ma non possiamo pretendere troppo.

L’articolo su Ubuntu, di ben 17 pagine, è ben scritto e spazia dall’installazione, alla configurazione e all’uso degli applicativi.

Per finire, nel dvd allegato c’è una macchina virtuale VMware configurata con Ubuntu e pronta all’uso. Nella rivista è spiegato come usarla per provare Ubuntu su una macchina Windows.

Annunci

8 thoughts on “E io passo a Linux

  1. Quoto Fabio, e aggiungo che Vista (provato) non è proprio quel che si dice “sviluppato bene”.

  2. Già provato Vista anch’io, si ciuccia da solo 500 mb di ram e aereoglass non fa dire “WOW” ma “EMBE’, tutto qui?”

  3. Come Henry, la prima volta che ho visto aero in funzione ho detto “embé?”. Non vedo nulla di innovativo in Vista, tutta roba già vista su Linux e Mac OS X.

  4. Appena ho installato VISTA la cosa che più mi ha fatto urlare è stata l’icona del “Program Compatibility”.
    Ho chiuso tutto e ho installato Linux e Beryl allora anch’io ho detto “WoW”.
    L’unica lacrima di rammarico reale è data dall’impossibilità di vedere la conquista anche da parte di Linux del mercato dei driver…. solo allora la lotta sarà pari armi… speriamo che ciò non rimanga un sogno ma diventi nel prossimo futuro realtà!

I commenti sono chiusi.