Mi illumino di meno: calano i consumi

Grafico consumi GTRNAnalizzando il grafico dei consumi di elettricità fornito dal GRTN sembrà proprio che Illumino di meno, la seconda giornata nazionale del risparmio energetico, svoltasi il 16 febbraio, sia stata un vero successo. Nel grafico, la linea verde riporta l’andamento previsto dei consumi, in rosso i consumi effettivi. In corrispondenza delle ore 18, ora di inizio della trasmissione Caterpillar, si nota un vistoso calo dei consumi, calo che si potrae almeno per le due ore successive. Considerato che la gran parte degli spegnimenti era prevista in coincidenza con la trasmissione, il calo non sembra casuale. Se così è, il risultato raggiunto è notevole. Nella tabella qui sotto ho riportato i consumi previsti ed effettivi, in GW (Gigawatt), nelle ore della trasmissione.

Ora Previsto Effettivo Differenza
18:00 53 53 0
18:30 53 52 -1
19:00 52,5 51 -1,5
19:30 51,5 49,5 -2
20:00 49,5 48 -1,5
20:30 48 47 -1

Qiundi in due ore sono stati rispamiati 3,5 GWh. Sarebbe interessante sapere quante tonnellate di CO2 non sono state emesse nell’atmosfera e quanti Euro sono stati risparmiati.

Advertisements

4 thoughts on “Mi illumino di meno: calano i consumi

  1. Stupenda questa idea. sono un’insegnante della scuola media di viadana (MN), con l’assessore all’ambiente pensavamo di proporre l’iniziativa “Mi illumino di meno” a tutti gli studenti e alla popolazione. Diteci come possiamo fare!
    Grazie
    Mara Saccani

  2. @Mara Saccani
    L’iniziativa è della trasmissione Caterpillar di Radio due, sul sito trovate tutte le informazioni necessarie. La prossima giornata del risparmio energetico dovrebbe essere il 16 febbraio 2007.

  3. CIao una domanda :

    Ma l’elettricità in eccesso dove va a finire?

    Cosa accade se tutti spegnessero tutti gli elettrodomestici elettrici? La corrente in eccesso dovrebbe essere consumata? se si in che maniera?

  4. @capobianco
    in teoria l’elettricità che non consumi non viene prodotta. In pratica è più complesso e dipende da come viene prodotta. Se è prodotta da una centrale idroelettrica, ad esempio, devi diminuire o bloccare il flusso dell’acqua che alimenta le turbine. Se è una centrale a gas, devi chiudere il rubinetto del gas. Ovviamente io semplifico al massimo, nella realtà le centrali sono controllate da sistemi sofisticati che adattano continuamente la produzione di elettricità ai consumi.
    Inoltre, se non è possibile o non conveniente ridurre la produzione, l’elettricità in eccesso viene utilizzata per altri scopi. Nelle centrali idroelettriche, durante la notte, quando i consumi calano, l’elettricità in eccesso viene utilizzata per riportare l’acqua all’bacino.

I commenti sono chiusi.